Deprecated: iconv_set_encoding(): Use of iconv.internal_encoding is deprecated in /home/sergiope/public_html/libraries/joomla/string/string.php on line 28

Deprecated: iconv_set_encoding(): Use of iconv.input_encoding is deprecated in /home/sergiope/public_html/libraries/joomla/string/string.php on line 29

Deprecated: iconv_set_encoding(): Use of iconv.output_encoding is deprecated in /home/sergiope/public_html/libraries/joomla/string/string.php on line 30

Warning: Cannot modify header information - headers already sent by (output started at /home/sergiope/public_html/libraries/joomla/string/string.php:28) in /home/sergiope/public_html/plugins/system/languagefilter/languagefilter.php on line 97
Pellissier ed il Chievo attendono l'Inter

Sergio Pellissier - official site


Deprecated: Non-static method JSite::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/sergiope/public_html/templates/gk_magazine/lib/framework/helper.layout.php on line 156

Deprecated: Non-static method JApplication::getMenu() should not be called statically, assuming $this from incompatible context in /home/sergiope/public_html/includes/application.php on line 536

Pellissier ed il Chievo attendono l'Inter

Sperare di giocare. Sperare di segnare. Sperare di vincere con la sua squadra. Certo contro la squadra di Roberto Mancini non sarà facile ma nel calcio tutto è possibile. Non si deve partire da sconfitti ma giocarsela fino alla fine...
Non si sa ancora se il capitano giocherà titolare ma c'è la certezza che qualora Maran dovesse affidarsi a lui sin dal primo minuto o anche a partita in corso, Sergio Pellissier si farà trovare pronto per il suo Chievo.

Sembra che la stagione del Chievo, da quando è arrivato Maran, abbia avuto una sferzata importante...
«Di solito quando cambi allenatore, quest'ultimo ti da sempre quel qualcosa in più che magari prima mancava e che non ti faceva fare il meglio, anche perchè se così non fosse stato non ci sarebbe stato motivo di cambiare tecnico. Poi quando inizia ad arrivare qualche buon risultato giochi con più serenità, acquisisci più fiducia nei tuoi mezzi».
Importante è stato anche il successo ottenuto una settimana fa contro il Cagliari...
«Importantissimo direi visto che abbiamo battuto una nostra concorrente per la salvezza ed abbiamo smosso la classifica. Sapevamo che qualora avessimo perso ci saremmo avvicinati all'ultimo posto e questo avrebbe reso tutto più complicato. Invece è arrivata una grande vittoria. I ragazzi hanno fatto una gran bella partita. Abbiamo strameritato la vittoria e dico anche che forse avremmo potuto fare anche più gol. Una vittoria che ci ha dato tre punti e che soprattutto è un'importante iniezione di fiducia per le prossime partite». A tal proposito, stasera c'è l'Inter, una squadra che non ha certo bisogno di presentazione seppur in questo avvio non ha entusiasmato, nemmeno dopo l'arrivo di Mancini sulla panchina...
«L'Inter è una squadra particolare, fa fasi di gioco davvero importanti, gioca, crea tanto da far pensare che possa vincere le partite in scioltezza, di contro ha fasi di black out che la fanno andare sotto. E' una squadra che ha grosse qualità e certamente affrontare l'Inter non è mai affrontare una squadra qualunque. Sicuramente non sarà una gara semplice».
Quest'anno più di altri si ha la sensazione che tutti possono vincere contro tutti...
«Sì, perchè negli ultimi anni non c'è più stato un divario così netto tra le squadre. Certo la Juventus, la Roma sono un gradino sopra, sono più forti tecnicamente e sembra che dominino tutto ma poi si è visto che quando giochi non solo per difendere, fanno fatica anche loro qualche volta».
La sferzata del Chievo coincide anche con un tuo maggior impiego rispetto ad un recente passato...
«Ho avuto un po' più di spazio e questo fa aumentare la fiducia in me stesso. Così ho la possibilità di partecipare maggiormente ai risultati e mi da la possibilità di fare quello che ho sempre voluto fare: cercare di aiutare la mia squadra a fare sempre meglio attraverso le mie prestazioni ed i miei gol».
Si può dire che per Maran, Sergio Pellissier esiste!
«Questo è già un passo avanti. Indubbiamente con Maran ho più possibilità, ho fatto le mie presenze, ho giocato. Certo posso entrare anche solo per dieci minuti, e non essere titolare, ma il rispetto c'è e questo è fondamentale. Inoltre dimostra che se ha biosgno di qualcosa o di qualcuno chiede e sa che può contare su di me».
Tra un po' sarà Natale, sarebbe bello se ti regalassi e se regalassi ai tuoi tifosi un gol contro l'Inter, magari decisivo...
«Segnare è sempre bello, in tutto il periodo dell'anno e soprattutto quando servono per far vincere la tua squadra. Mi auguro di farmi e fare questo regalo, chissà...».